Ruralpini resistenza rurale
 




        Alpeggi, cultura e turismo rurali, agroalimentare tradizionale, politica contadina 

Titolare/Webmaster Michele Corti michelecrt@gmail.com


Motore di ricerca interno al sito (ruralpinifinder)
per contatti : redazione@ruralpini.it



IL SITO POTENZIATO DEL
FESTIVAL DEL PASTORALISMO




EVENTI / SAGRE


INSERIAMO SOLO QUELLE CHE CI VENGONO SEGNALATE


Data
Luogo (clicca su luogo per vedere la locandina)

















Segnalaci (CON LA LOCANDINA) eventi in tema e sagre (di qualità)  è gratis, non c'è pubblicità, solo eventi  selezionati
redazione@ruralpini.it
whatsapp 3282162812




SOBRIETA', RICICLO, FANTASIA, ADATTAMENTO: LA DIETA DELLE GENERAZIONI PASSATE HA MOLTI ASPETTI DA RISCOPRIRE

VOLUME DI 644 PAGINE  20 €
    
La storia di un secolo e mezzo di alimentazione dei contadini della montagna lombarda. Sette storie di cibo e passione per la terra. Ricette



PER ORDINARE IL VOLUME ONLINE

CENTRO  STUDI VALLE IMAGNA (EDITORE)

AMAZON via ELLE LIBRI (DISTRIBUTORE)



schiscia/clicca "mi piace"



Ambientalismo, neocolonialismo, capitalismo: violenza ed ecoingiustizia contro gli ultimi
(23.02.19) La gestione delle aree protette nei paesi ex-coloniali rappresenta l'ambito nel quale è più evidente la continuità con il vecchio colonialismo. In nome della tutela della natura le grandi organizzazioni ambientalistiche gestiscono floridi business e non hanno esitato a scacciare con l'inganno, a volte anche con la violenza,  milioni di persone dalle loro sedi ancestrali. Il fenomeno dei profughi a causa dei parchi continua,  così come gli abusi contro le comunità che cercano di resistere e di tornare a frequentare le loro foreste. Storie che l'occidente non vuole conoscere perché l'ambientalismo alla WWF è rimasto l'unica illusione, l'unica fede salvifica - non sottoposta alla verifica di congruenza con la realtà - alla quale si aggrappa l'occidente alla deriva. Meglio non sapere che dietro la generosa missione di salvare il pianeta c'è una cinica macchina da soldi che porta molti vantaggi a sé stessa, pochialla biodiversità, tante sofferenze agli ultimi, ai senza voce, ai più indifesi del pianeta. leggi tutto


La caccia alla volpe (e al lupo) nella realtà contadina
Nel periodo più freddo e nevoso dell’anno, quando cioè gli uomini avevano tempo a disposizione, öna ölta (una volta) i cacciatori più sfegatati, ma anche i contadini meno provetti all’uso dell’archibugio, i vàa a vulp (andavano [a caccia] di volpi). 
leggi tutto

Grazie pastori sardi
(13.02.19) La solidarietà con i pastori sardi rischia di essere un esercizio stucchevole. Invece noi vogliamo ringraziarli perché in Italia i pastori e gli allevatori, realtà poco omogenee e disperse, quasi sempre soffrono e chiudono in silenzio, strangolati dalla globalizzazione, dalla burocrazia, dall'ambientalismo da salotto urbano. Loro no, giocano la loro protesta sul piano politico e dimostrano che è meglio arrabbiarsi che consumersi nella sofferenza. leggi tutto


L'economia delle uova nella società contadina
(05.02.19) Loaröi e loaröle (venditori e venditrici di uova) erano protagonisti di una economia integrativa per il sostentamento del gruppo familiare, sia sotto il profilo alimentare, che per quanto concerne l’introito di qualche pur modesta somma di denaro… sempre utilissimo e persino provvidenziale  Ogni casa la gh’ìa ol sò polèr col serài (aveva il suo pollaio con il recinto esterno).
leggi tutto

Borgata alpina in vendita in blocco  per quattro soldi in val Grana
(04.02.19) Le amare considerazioni di Anna Arneodo di Coumboscuro che conosce e ama le borgate della sua valle. leggi tutto

Le regioni alpine invocano il controllo del lupo. Svolta politica vera o propaganda?

(02.02.19) In un clima politico segnato dall'attesa del risultato delle elezioni per il parlamento europeo, le regioni del Nord, pur senza manifestare una precisa strategia, hanno sottolineato una volontà comune di arrivare a un controllo del lupo. Non è il massimo, ma segna pur sempre una svolta rispetto alla situazione di due anni fa quando, a seguito dei cedimenti alle pressioni animaliste, tutte le regioni italiane, tranne Toscana e Bolzano, si erano genuflesse al tabù: "il lupo non si tocca" . leggi tutto


De profundis per un complesso architettonico rurale di pregio

(22.01.19) Antonio Carminati, con la sua passione per le pietre ma anche per le storie concrete di vita, ricorda  la triste parabola di una contrada a oltre 900 m di quota in valle Imagna. Un tempo abitata tutto l'anno, poi alpeggio, oggi consiste solo di prati e di fabbricati in rovina. Quelli ristrutturati trasformati a "uso vacanza". leggi tutto


"Lupi? No grazie. Qui non è il Serengheti"

(21.01.19) Troppi lupi in Europa e si incrina il fronte conservazionista. Clamorose dichiarazioni del direttore del maggior parco nazionale olandese: "Qui non voglio lupi, voglio potergli sparare". "Non sono tornati da soli" leggi tutto

Il letame: ricchezza che circola

(08.01.19) La méssa dol rüt (la concimaia) era l'elemento chiave di un paesaggio ordinato che nutriva animali e persone senza inquinare e sprecare risorse leggi tutto


Ruralpini: oltre dieci anni di resistenza rurale, di ruralpopulismo (quando non era di moda). La classifica, aggiornata al 01.01.2019, degli

Articoli più popolari di sempre

e degli

Articoli più richiesti nel 2018.

qui per rivedere tutti gli articoli dell'anno  SOMMARIO 2018

RURALPINI AUGURA
 UN NUOVO ANNO PIENO DI SODDISFAZIONI A TUTTI I LETTORI 



Il lupo riduce la biodiversità alpina


(29.12.18)  Materiali per un manifesto pro pastoralismo, contro la diffusione del lupo   sulle Alpi leggi tutto


Il Natale dei contadini. Un rito che non scompare: la macellazione del maiale (cupaciù)

(23.12.18) Riti che rivivono, pieni di significato. Ancora oggi la macellazione del suino è occasione per aiutarsi tra giovani allevatori.  Quella che sembrava una pratica da amarcord da vecchie foto in bianco e nero possiamo documentarla come un fatto attuale e in ripresa. La sequenza della macellazione con qualche immagine di insaccatura. leggi tutto

Boschi, boschine, arbusteti: meglio le pecore o l'ambientalismo e le norme da esso ispirate per prevenire gli incendi boschivi?


In Piemonte non si bruci foglia... ma centinaia di migliaia di ton. di cippato nelle centrali
(20.12.18) La Regione Piemonte si conferma particolarmente sorda alle esigenze della montagna: la pianura padana soffoca di inquinamento, i boschi (non puliti) bruciano ? Come "rimedio" si impedisce su tutto il territorio regionale di bruciare residui vegetali in inverno, anche in assenza di rischi. E non ci sono deroghe! Dietro vi è una mentalità ambientalista ipocrita e il risultato non sarà meno incendi boschivi ma più abbandono e più incendi boschivi. leggi tutto


A quando anche in Italia un Wolfsdebatte?

(14.12.18) L'altro ieri il ministro dell'agricoltura Centinaio, davanti agli allevatori trentini, si è rimangiato le precedenti posizioni lupiste. Lupi, rewilding, ecotasse, "rinnovabili", sono gli aspetti della stessa biopolitica, le nuove forme della lotta di classe (oggi elite vs popolo) e del conflitto città-campagna incarnato dai gilet jaunes. leggi tutto

Le radici storiche e ideologiche
del beceroanimalismo

(09.12.18) L'Italia le circostanze storico-sociali hanno prodotto una cultura fortemente antirurale lontana anche dalla dimensione naturale concreta. Nella realtà contemporanea su questo sfondo si è sviluppato un animalismo ben poco ecologico, molto ideologico che sconfina nel culto pagano e che reitera i cliché anticontadini leggi tutto

Lodi: 300 mila mq di terreno agricolo consumati "in deroga"per la logistica
Diciamo basta!

(06.12.18) Da qualche tempo a Ospitaletto lodigiano si parla di un nuovo insediamento logistico in prossimità dell'autostrada in un area - di confine tra Lombardia ed Emilia, già piuttosto densa. Il nuovo progetto di un gruppo internazionale prevede ancora più superfici sottratte all'agricoltura rispetto al prevedete (+ 50 mila mq) e ridicole "compensazioni". leggi tutto
(06.12.18) Ruralpini oggi festeggia oltre 3,5 milioni di pagine visualizzate (certificazione Shiny-stat)

L'excalation del rischio: patogeni antibiotico- resistenti nell'insalata
 (05.12.18) L'inquietante scoperta è stata effettuata in Germania dove, ad essere chiamata in causa, non è solo la zootecnia industrializzata - che consuma antibiotici in quantità industriali per "spingere" le produzioni di cibo low cost - ma anche la proliferazione delle centrali a biogas (10 mila) che moltiplica esponenzialmente il rischio di diffusione di patogeni e di antibiotico-resistenza in un circuito che comprende l'apparato digerente di animali di allevamento e di umani, reflui zootecnici, digestati, campi, cibo leggi tutto

Km 0: fumo e poco arrosto

(11.11.18) In via di approvazione al Senato le norme per la valorizzazione e la promozione dei prodotti agricoli e alimentari provenienti da filiera corta L'impressione è che, con i ferrei vincoli delle regole europee, si legiferi tanto per accogliere, nominalisticamente, delle istanze "trendy" capaci di creare consenso (leggi tutto).

Lacrime (di coccodrillo)
sulla montagna


(10.11.18) Anna Carissoni non fa sconti a chi parla di "morte della montagna" a fronte degli ultimi drammatici eventi calamitosi in Veneto e Trentino (ma ha lasciato chiudere l'ultimo punto nascia, l'utima scuola, l'ultimo negozio di prossimità, soffocando i contadini con la burocrazia  leggi tutto.



IL FESTIVAL PROSEGUE SINO AL 18 NOVEMBRE
(VAI AL PROGRAMMA GENERALE)


Week-end clou al Festival del pastoralismo Bergamo


L'ondata di maltempo ha costretto a rinviare al 3 novembre la "Transumanza delle mura veneziane e dei colli". Così il prossimo week-end vedrà svolgersi i due eventi principali del festival pastoralista di Bergamo: la "Transumanza" e "Stracchinando", quest'ultimo alla sue seconda edizione. Venerdì sera il film "Pane di vento" ( pratica agricola e alimentazione tradizionale nella montagna lombarda di oggi)leggi tutto

La cascina nel cuore del bergamino
(29.10.18) Alla mostra sui bergamini a Bergamo è esposta uno straordinaria testimonianza di una storia di vita individuale e collettiva: il modello a grande scala che ricostruisce, sin nell'ultimo impensabile dettaglio, la cascina Majocchetta di Melegnano. Acquistata dopo generazioni di transumanza e di fatiche dai Vitali Giana di Pizzino (Taleggio), venne espropriata dal comune. Piero Vitali si ritirò in eremitaggio nella baita paterna e...  leggi tutto

Quinto appuntamento a Bergamo
con il pastoralismo alpino


(22.10.18) Bergamo capitale della transumanza del Nord Italia con i pastori bergamaschi e i bergamini ( i transumanti con vacche da latte più importanti d'Europa). La consacrazione di questo ruolo, che  è intrecciato a quello di capitale dei formaggi (grazie alla  varietà senza pari di specialità casearie delle Orobie), avverrà con un convegno internazionale (26-27 ottobre) e una mostra alla Porta Sant'Agostiono dal 27/10 al 18/11)   leggi tutto


Giù (ancora una volta) le mani dal Lagorai delle malghe e del silenzio
(21.10.18) Ancora una volta si tenta di omologare il Lagorai alle esigenze di "valorizzazione turistica". Fermo NO della Libera Associazione Malghesi e Pastori del Lagorai. leggi tutto


I nodi vengono al pettine:  lupi sparati anche in Veneto

(29.09.18) Oggi in Italia, in alcune situazioni , sparare ai lupi è legittima difesa, una forma di resistenza sociale di fronte a istituzioni - europee e statali - che non hanno il coraggio di gestire una popolazione lupina in continua espansione leggi tutto

Adoravano lo stracchino
(di Gorgonzola)

(16.09.18) Il più grande compositore di tutti i tempi e il gentleman più elegante d'Europa erano (inizio Ottocento) grandi appassionati di stracchino di Gorgonzola leggi tutto



Bergamaschi a Verona (XIV-XVI sec.)

(10.09.18) Un  aspetto poco noto della transumanza tardo medioevale. Gli stretti rapporti tra Verona e la realtà zoocasearia lombarda
leggi tutto

Il buon vino si fa nella terra
(29.08.18)  Anche in Veneto, dove l'ampio uso di pesticidi in viticoltura è oggetto di aspre contestazioni, c'è chi produce con il metodo biologico. Anche il Prosecco. Della pionieristica esperienza dell'azienda vitivinicola bio  Ai Rorè (zona di Conegliano) abbiamo parlato con Alberto Testolin, che ne commercializza la produzione in Trentino. leggi tutto


Ultime testimonianze di vita ruralpina in Val Grande  (alta Valcamonica) 
(28.08.18) La Val Grande in comune di Vezza d'Oglio rappresentava un grande comprensorio di maggenghi con prati-pascoli estesi su 1,5 km2 . Da primavera all'autunno era pieno di vita perché molte famiglie di  Vezza d'Oglio e delle frazioni salivano a popolare i maggenghi. Poi la crisi dell'agricoltura di montagna e il Parco hanno spento la pulsante vita agropastorale e banalizzato il paesaggio. Ma alcuni i contadini hanno a lungo continuato a utilizzare i loro maggenghi
leggi tutto



La Fen Fest de Mòn: una bellissima festa della tradizione viva

(05.07.18) La Fen Fest non è solo un evento sul tema della falciatura a mano, è una manifestazione che coinvolge tutto il paese. Ogni casa espone oggetti agricoli e tappeti tessuti a mano, si assagga il formaggio locale e si ammirano le belle, solide dimore rurali in legno e pietra che hanno resistito ai secoli ...   leggi  tutto

La lobby lupista censura le notizie "scomode"

(04.07.18) Negli ultimi giorni notizie importanti provenienti dalla Polonia e dalla Francia, imbarazzanti per il partito del lupo, sono state  ignorate dai media italiani. E c'è il precedente della morte di Celia Hollyworth la donna inglese sbranata dai lupi in Grecia. Quando un giornale nazionale ne parlò...   leggi  tutto

Artigianato alpino: giovani cercasi

(04.07.18)
 A Monno, in alta Valcamonica, la tante iniziative  fanno rivivere la cultura tradizionale alpina. Che si esprime attraverso pratiche agricole e alimentari ma anche l'arte della tessitura a mano. leggi  tutto



Tép de fé. tempo di fieno: tra rito e lavoro
(07.06.18)

 La fienagione sui prati di Cà Berizzi (il centro di cultura della valle Imagna, Aldemàgna), è eseguita con rastrelli di legno ma anche moderne rotopresse, è occasione per qualche spunto di Antonio Carminati sui tanti riflessi del fà fé nelle cultura rurale leggi  tutto

Cinofilia e cani da pastore oggi. Note al margine del raduno di Fara Gera d'Adda
(05.06.18) Dal raduno del 27 maggio scorso,sono emerse buone prospettive per la costituzione di una razza di cane pastore (di nome e di fatto) del Nord Italia. Al margine dell'evento alcune considerazioni sul rapporto tra cinofilia e realtà del cane pastore leggi  tutto


Basta con le bugie sui lupi!
(04.06.18) Dirigenti e funzionari dei servizi forestali e faunistici di tutte le regioni disinformano i cittadini per sostenere le faziosità animal-animaliste. Il che diventa grottesco in Trentino, dove la politica, in vista delle provinciali di ottobre, si sta smarcando - a parole -  dal lupismo.  leggi tutto




Tutti gli articoli  del 2018 (sommario)

Tutti gli articoli 
del 2017 (sommario)


counter customizable
View My Stats