Nuovo Header
Home Lavoro/bacheche Archivio AlpeggiRuralismo Eventi
 

Articoli 2021 (pag. 2) vai alla Pagina 1




WWF responsabile di atrocità.
Michele Corti (17/02/2021)

Il lupo si deve e si può controllare.
Michele Corti (17/02/2021)

Con un colpo di mano: aree riproduzione lupo
Michele Corti (16/02/2021)

Loup e voroup: Il colpo alla nuca alla montagna
Michele Corti (08/02/2021)

Barlume di iniziative politiche sul lupo
Michele Corti (03/02/2021)

Il presidente di un parco spara a zero su WolfAlps
Michele Corti (28/01/2021)


Scrivi a Ruralpini
redazione@ruralpini.it

 class=



LETTERE
(25/04/2021) Sono un abitante dolomitico-veneto dalla nascita, come tutti i miei avi, da parte di padre e madre da almeno 4-5 secoli, discendenti di quelle classiche famiglie "ceppo" che ogni paesino dell'arco alpino ha nel suo dna. Negli ultimi 4-5 anni gli avvistamenti e predazioni del lupo dal medio all'alto bellunese ormai non fanno piú notizia,partendo dall'Alpago(dove ci sono allevamenti di un pregiato agnello) e zone-frazioni circondariali di Belluno città e paesi vicini, fino all'alto bellunese, agordino, cadore, zoldano, etc. La cosa non mi coinvolge dal lato aziendale non essendo un allevatore, ma la rabbia che provo non penso sia molto dissimile da chi subisce in prima persona i danni materiali,morali e psicologici di questa situazione assurda, voluta e decisa delegittimando, anzi, direi non prendendo in minima considerazione il parere di chi in montagna ci vive, la ama da sempre e vivrebbe solo di sussistenza (come facevano i nostri nonni e bisnonni) pur di non andarsene. Rabbia che certo non è rivolta verso il lupo in quanto tale, animale reintrodotto e lasciato espandersi indiscrinatamente,mero strumento di elite marginali che purtroppo hanno potere oltre la loro vera percentuale democratica. Scrivo questa alcune settimane dopo aver sentito un'intervista locale al nuovo presidente del Parco delle Dolomiti Bellunesi che mi ha lasciato basito, il suddetto,in sintesi elencava le solite retoriche del progetto wolfalps mentre allevatori, abitanti e sindaci di vari comuni segnalano da anni le situazioni pericolose che stanno aumentando. Segnalo solo gli ultimi casi che mi ricordavo a memoria raggruppati celermente in una breve ricerca sulla rete
VAI AI LINK







Gruppo Facebook

Pagina Facebook

Canale Telegram


redazione@ruralpini.it